domenica 3 maggio 2009

Ascolta me, divorzia anche dall'Italia


Cosa c'è da scrivere che non è stato scritto, che non si sapeva già.

Basti questa fotografia.

Chissà quante ne ha viste e sentite quel signore al suo fianco, e chissà quante ne hanno viste e sentite i suoi amici (amici?).

Chissà quanti nel sentire gli scricchiolii cominceranno a prendere le distanze.

E' la triste storia che si ripete dei potenti di questo tipo, raggiunto il culmine cominciano a sprofondare piano piano e poi velocemente nella melma. Adesso lo abbandoneranno. Vogliamo scommettere?

Che si faccia da parte lui prima che lo facciano gli altri, gli conviene.


4 commenti:

redentatiria ha detto...

EH..caro "Arturo" ,anche se mi piacerebbe crederlo ,temo che al contrario ,lui cercherà ancora una volta di girare la situazione a suo favore e la sua corte(amici!?) gli farà da spalla per distruggere chiunque osi metterlo in discussione.

Alessandro ha detto...

Purtroppo questo matrimonio non vede la fine.. finché morte non vi separi.. speriamo non sia una frase vera e avvenga prima il divorzio.. prima della morte dell'Italia intendo..

Nikka ha detto...

Arturo

sei troppo ottimista ... Berlu non si farà mettere al tappeto facilmente

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

Spero tu abbia ragione. Ma Berlusconi non è un politico come gli altri. Anzi, non è un politico! E' un venditore molto abile, anche di se stesso e, con le sue tv, riuscirà a ribaltare la situazione e a far sembrare bianco quel che è nero (come sta già avvenendo)

Bookmark and Share

Free Blogger Templates by Isnaini Dot Com and Architecture. Powered by Blogger