giovedì 16 aprile 2009

The Show Must Go On 3

Dedicato a Vauro 

Da leggere come un cinegiornale Luce

L’Aquila 16 Aprile 2009 Anno Secondo della Terza Eera Berlusconiana.

Anche oggi il Nostro Presidente si è recato nelle zone devastate dal terribile terremoto, con coraggio e sprezzo del pericolo ha attraversato la città protetto solo dall’elmetto che gli è stato donato da un eroico milite dei vigili del fuoco.

Il Presidente di tutti gli italiani era accompagnato dalla giovane Ministra della Istruzione Popolare, la giovane Ministra indossava una giubba della ardimentosa Protezione Civile, dove si distingueva il simbolo del nostro amato Tricolore, e una gonna pantalone color caki.

Scavalcando le macerie impavido e deciso il Nostro Presidente raggiungeva la tenda adibita a scuola che avrebbe inaugurato. Centinaia e centinaia le genti di Abruzzo che lo attendevano per salutarlo ed acclamarlo, alcuni hanno avuto il privilegio di toccarlo: non dimenticheremo mai questo momento, dicevano estasiati i fortunati abruzzesi.

I piccoli scolari d’Abruzzo sventolando le bandierine ed intonando il celebre canto “Per fortuna Silvio c’è”  lo hanno accolto nella attrezzatissima tenda scuola.

L’inaugurazione è stata veloce e non priva di scherzosi motti di spirito del Nostro Presidente che ha promesso di inviare un televisore da 70 pollici. La giovane Ministra, visibilmente commossa,  ha posto l’accento su questo nuovo modo di fare istruzione più virile  e spartano più consòno alle genti italiche.

Noi, vigili ed ansiosi, saremo qui ad attendere, insieme alle genti d’Abruzzo, le prossime inagurazioni. Il Nostro Presidente dovrà inaugurare nell’ordine: La tenda farmacia - La tenda chiesa - La tenda anagrafe - La tenda ipermercato (la più grande del mondo) - La tenda fitness - La tenda ospedale - La tenda ferramenta - La tenda circolo della liberta - La tenda popolo della libertà - La tenda indiana - La tenda di Gheddafi - La tenda mongola.

W il Nostro Presidente W La Nuova Italia




5 commenti:

Veneris ha detto...

Bellissimo! Sembra un artcolo degli anni 30.

amatamari ha detto...

Come capolvere il dramma e trasformarlo in un trionfo...

redentatiria ha detto...

Bisognerebbe fare una bella ,martellante campagna pubblicitaria sul fatto che porta sfiga...ogni volta che lui è al governo succedono i più grandi disastri.Ma la cosa peggiore è che lui fà in modo che quelli per gli son disastri ,per lui diventano una manna e non fanno che acrescere la sua popolarità.
"Ite buluzu"!!!!!!!!!

Alberto ha detto...

E la Tenda Rossa nno la inaugura? Penserà che sia una tenda piena di comunisti!?

mm ha detto...

Coscia, ci è parso di intravedere una vena di dileggio nel vostro scritto. Noi del Comitato auspichiamo che si si trattato di una sbandata dovuta ai postumi dell'anestesia. Ci sono in giro delle teste calde che hanno bisogno di una raddrizzata e il bottiglione dell'olio di ricino è sempre pronto. Vi saluto romanamente (o padanamente?), eia eia sgrosbo.
A proposito, ma che nome è Coscia?Un nome da debosciato. Cambiatelo con un nome più maschio, per esempio...Italio, ecco un bel nome da portare come un gagliardetto.

Bookmark and Share

Free Blogger Templates by Isnaini Dot Com and Architecture. Powered by Blogger